Medicina del Respiro
Terapie e Consigli

Conoscere il Respiro e Comprenderne l’Importanza

Lo diamo spesso per scontato e spesso è fondamentale occuparcene non appena inizia a esser percepito come un problema. Parliamo del “Respiro”.

Introduzione

Quando il respiro smette di essere un atto automatico ed inconscio della vita ed inizia ad essere percepito dalla persona come un “problema”, è meglio occuparsi di lui prima che lui incominci ad occuparsi di noi.

Una opportunità per valutare il disagio respiratorio e giungere alla comprensione delle sue cause orientandosi correttamente alla soluzione della criticità.

Come spesso avviene per tutto ciò che è quotidianamente sotto i nostri occhi e non rappresenta più una novità, ci abituiamo a dare per scontate certe cose senza più essere in grado di percepirne la presenza e l’importanza.

Così avviene, ad esempio, anche per il respiro, quell’indispensabile atto della vita che, dal primo vagito del neonato, accompagna l’uomo senza interruzione per tutta la sua esistenza.

Cosa vuol dire Respirare?

Respirare vuol dire garantire all’organismo quel fondamentale meccanismo biologico che, attraverso il ciclico e pendolare riempimento e svuotamento dei polmoni, consente il corretto approvvigionamento di ossigeno ai tessuti ed agli organi, permettendo al contempo la corretta eliminazione dell’anidride carbonica, tossica se presente nel sangue in quantità elevata.

Mentre in condizioni di normalità e di buona salute l’atto respiratorio procede silenzioso in modo semplice e naturale, automatico e senza sintomi disturbanti, tanto da non doversene occupare, in presenza invece di disfunzioni o di malattie dell’organismo fin dalle fasi più iniziali, quando ancora i sintomi allarmanti sono assenti o talmente minimi da non destare preoccupazione,  esso può trasformarsi in un disturbo od in una sensazione di disagio e di difficoltà a volte mal definibili che lo fanno percepire come un atto alterato e faticoso la cui presenza diviene chiaramente percepita come un fatto problematico.

Ciò che solo fino a pochi giorni prima non si rendeva manifesto, lo diviene ora senza apparente spiegazione.

E’ utile allora comprendere la grande importanza del prestare una sufficiente attenzione a ciò che il respiro ci vuole segnalare con quel suo “annunciarsi”.

Una grande quantità di malattie possono manifestarsi già dalle fasi più precoci alterando il respiro.

Tra queste ci sono:

  • le malattie bronchiali e polmonari
  • l’ipertensione arteriosa non ben controllata
  • molte malattie cardio-circolatorie
  • malattie allergiche del tratto respiratorio comprese quelle che alterano la respirazione nasale
  • alcuni disturbi del sonno
  • malattie neurologiche
  • disturbi psicosomatici e depressivi
  • disturbi d’ansia e da stress.

Il disagio respiratorio può essere efficacemente affrontato attraverso l’individuazione precoce delle cause del disturbo tramite una valutazione medico-specialistica e con l’ausilio di semplici esami diagnostici funzionali non fastidiosi e soprattutto non invasivi in grado di orientare ad una corretta prescrizione e programmazione di interventi terapeutici finalizzati a risolvere rapidamente il problema.

Più la diagnosi del problema che sostiene il disagio respiratorio è precoce, tanto più sarà facile pervenire alla soluzione per non rischiare che sia la comparsa di una malattia evidente a farci comprendere tale causa.

E’ certamente un errore negare o trascurare un qualunque problema di salute anche se non grave.

E’ invece più prudente e rassicurante affidarsi subito alla valutazione di un esperto in modo da non rischiare di trasformare un momentaneo disagio, spesso rapidamente risolvibile, in un problema maggiore tendente alla cronicizzazione e pertanto più impegnativo da trattare.

In presenza di un qualunque disturbo respiratorio anche minimo è opportuno orientarsi subito verso una consulenza risolutiva piuttosto che aspettare rinviando un intervento terapeutico per indolenza o per paura, considerando sempre che il disagio respiratorio è una realtà clinica spesso assai complessa, da soppesare sempre attentamente nei suoi due aspetti estremi che lo pongono a cavallo tra una malattia fisica ed un disturbo più generale della dimensione psicologica ed emozionale.

 

Hai Ancora Dubbi? Chiedi allo Pneumologo!

Faccio il possibile per scrivere i miei articoli informativi nel modo più chiaro, semplice e soprattutto esaustivo che si possa.

Consiglio sempre ai miei lettori di leggere i link di approfondimento che propongo su ciascun articolo.

Se però hai qualche domanda specifica su questo argomento alla quale non hai trovato risposta, sarò felicissimo di risponderti!

Non solo!

Se la tua domanda sarà di interesse generale e soprattutto non trattata prima su Medicina del Respiro, ne creerò anche un articolo ricco di utili informazioni mediche.

Lascia quindi un commento qui sotto, sii chiaro e dettagliato a sufficienza ma per piacere, tieni a mente una cosa fondamentale.

Faccio sempre il possibile per dedicare il tempo necessario nella lettura di tutte le domande che mi vengono poste, ma a causa delle mie svariate attività cliniche e del numero decisamente alto di quesiti che ogni giorno mi vengono posti non sono sempre in grado di garantire tempi di risposta rapidi.

Hai urgenza e non puoi aspettare?

Non ci sono problemi.

Se credi che il tuo caso abbia carattere di urgenza e debba ricevere una consulenza medica specialistica puoi prenotare da qui una visita privata presso il mio studio.

Hai apprezzato questo articolo?

Realizzare Medicina del Respiro ha richiesto mesi di lavoro.

Non solo: creare continuamente articoli informativi richiede un sacco di tempo, come puoi immaginare.

Non c’è miglior grazie che io possa ricevere da te se non sapere che condividerai questo articolo su Facebook, Twitter o LinkedIn.

E se ti sono stato d’aiuto, lasciami anche soltanto un “Grazie!” qui sotto 👇 : renderai la mia giornata migliore!

Un abbraccio, a presto!

Dott Enrico Ballor - Pneumologo Torino